Archivi

© Archivio Storico della Città di Torino

Un progetto per la valorizzazione del patrimonio fotografico italiano

CAMERA si sta impegnando nella valorizzazione del patrimonio fotografico italiano attraverso l’implementazione del software ABACVM e lo sviluppo, con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, di un grande progetto legato al censimento degli archivi fotografici.

CAMERA dedica inoltre impegno e competenze alle attività di studio degli archivi, anche attraverso la realizzazione di mostre e pubblicazioni su materiali provenienti da fondi pubblici e privati.

Implementazione del Software ABACVM

© Archivio Eni

A partire da una convenzione firmata con Tavola Valdese e Comune di Torino, CAMERA contribuirà all’implementazione del software ABACVM, creato dalla società Dynamix Italia, strumento informatico alla base dell’intero progetto.
ABACVM è un software per la gestione dei beni culturali, già strutturato nelle sue funzioni basilari sul quale si stanno apportando upgrade specifici – gestione web, digital asset management – finalizzati alla raccolta sistematica dei fondi che aderiranno al progetto. Il software consente di stabilire un linguaggio comune per tutti quegli archivi che nel corso degli anni hanno attivato, in maniera indipendente, modalità di organizzazione dei propri materiali e di renderli consultabili attraverso una piattaforma condivisa. CAMERA contribuirà allo sviluppo del software occupandosi dell’implementazione delle specifiche funzioni relative alla gestione della immagini digitali.

Modulo di censimento

© Archivio Publifoto

Il 15 dicembre 2015 è stato sottoscritto a Roma un protocollo d’intesa tra l’Istituto centrale per il catalogo e la documentazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia finalizzato all’avvio del Censimento degli archivi fotografici italiani. Il Censimento si prefigge lo scopo di identificare i soggetti che a vario titolo detengono collezioni o archivi fotografici, raccogliendo informazioni sulla tipologia, sulla consistenza e sulle caratteristiche dei materiali conservati.
La descrizione sintetica delle caratteristiche di ciascun archivio, condotta utilizzando un tracciato allineato agli standard nazionali, consentirà di realizzare, in un portale web dedicato, il punto di accesso unico per la condivisione, la consultazione e lo studio delle raccolte fotografiche accrescendo inoltre la visibilità dei singoli archivi, specie di quelli dotati di minori risorse proprie. Attraverso l’operazione di Censimento si potranno avviare processi di valorizzazione del patrimonio censito, derivanti non solo dalla condivisione di una grande massa di informazioni ma soprattutto mediante la realizzazione di percorsi tematici trasversali, mostre virtuali e photo-gallery.